Venti storie da scoprire

Fra le fiabe scelte dal sito ilmiolibro in occasione della Bologna Children’s book, da acquistare senza spese di spedizione, anche le nostre fiabe La corona de Re con i bellissimi disegni di Ilaria Tira, e Storia di un Porro e di una farfalla” con i bellissimi disegni di Vittoria Grazi.

Entrambe le fiabe sono state finaliste al concorso ILMIOESORDIO2019.

Senza i libri per bambini e ragazzi il mondo dell’editoria non sarebbe lo stesso. Perché non c’è niente di meglio di un libro per raccontare belle storie, quelle che riportano alla magia dell’infanzia, alla fantasia, al senso di scoperta.

E in occasione di Bologna Children’s Book Fair, l’evento più importante dedicato all’editoria per bambini, abbiamo scelto oltre venti libri tutti da scoprire pubblicati da alcuni tra i nostri migliori autori, che potrai acquistare fino a domenica senza pagare le spese di spedizione.

Libri illustrati, romanzi di formazione, fiabe, fumetti: sfogliali come in libreria e acquista i tuoi preferiti, ma affrettati! La promo dura solo pochi giorni. 

 

6) La corona del re, Mariarosa Ventura e Ilaria Tira
Perché nessuno vede la sua corona? Un Re smarrito, che cerca Risposte, che ha bisogno di Certezze: dov’è il suo Regno? Forse è stato rubato. Forse un incantesimo… ma lui è un Re e parte alla ricerca del suo Regno perduto. Un viaggio onirico, un viaggio interiore, l’archetipo fondamentale della vita di ogni individuo: la ricerca del sé.

Compralo qui e non paghi la spedizione

 

10) Storia di un Porro e di una Farfalla, Mariarosa Ventura e Vittoria Grazi
Se vi capitasse di passare vicino a un piccolo orto, fermatevi ad ascoltare… Perché una fiaba contro la violenza di genere? Perché i bambini di oggi saranno gli uomini di domani, e ai bambini è importante insegnare il rispetto; è importante insegnare che l’ amore non è possesso, egoismo, o rabbia. Attraverso il linguaggio semplice e saggio delle fiabe vogliamo raccontare la bellezza dell’amore non la sua meschinità. Vogliamo raccontare ai piccoli, ai giovani ma anche e soprattutto ai grandi la verità sull’amore.

Compralo qui e non paghi la spedizione

Annunci

I “grandi” e le fiabe…

magia delle fiabe.jpg

Illustrator Elena Bertoloni

Lo diciamo sempre: le fiabe non sono solo per i piccoli  e, quest’anno, il nostro calendario dell’Avvento – con nostro grande piacere –  è stato scelto e donato anche  ai”grandi”: mamme e papà, manager, professionisti, impiegati, insegnanti  che, ogni mattina, aprono la finestrella virtuale del nostro calendario, alla magia di una piccola fiaba.
Siamo curiose, per natura, e ci piace condividere e diffondere le piccole, cose preziose, di ogni giorno.
Così, abbiamo chiesto ad alcuni di questi piccoli, grandi sognatori,  di raccontarci com’è,  essere svegliati ogni mattina dalle fiabe  e come li accompagnano  nella loro giornata ricca di impegni e lavoro.
Chiara – che ringraziamo –  ci ha donato la  prima, bella testimonianza – ok, forse   è un pò di parte, già lei sembra una fiaba- è una bellissima Biancaneve…
“Una fiaba al giorno in attesa del Natale è rivivere magie e sentimenti dimenticati… Riscoprire il bambino che c’è in noi e ricordargli che ogni tanto deve farsi sentire.
Un regalo bellissimo che mi fa sorridere!
Pensa che l’altro giorno in metropolitana stavo leggendo una tua fiaba e sorridevo mentre guardavo il cellulare.
In metro a Milano la mattina e la sera quando si va e si torna dal lavoro tutti hanno i capi chini sul cellulare con volti cupi e non interagiscono. Questo mio sorridere così apertamente ha spinto una signora di fronte a me a dirmi:”che bel sorriso, deve aver ricevuto proprio una bella notizia”.
Ho risposto che stavo leggendo una fiaba del calendario dell’avvento e quelli in parte hanno cominciato a parlare dei loro calendari dell’avvento e dei loro bambini, del Natale. Sono scesa alla fermata e stavano ancora parlando!” Chiara P. C.

I colori della dislessia

 

“Ciao Amici sono Carolina, oggi vi parlo di un libro davvero speciale, Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo, si tratta di una fiaba che spiega cos’è la dislessia a noi bambini… la scrittrice Mariarosa Ventura in questo libricino formato tascabile è riuscita a toccare il mio cuore e a farmi capire con la guida della mia mamma, come aiutare nel mio piccolo, chi ha la dislessia.

La storia si svolge in un bosco dove c’è una bellissima scuola, circondata da cespugli di more selvatiche e da distese do piccole margheritine primaverili.

Anche gli animali vanno a scuola, devono imparare a leggere, a scrivere e a contare come noi bambini e anche loro possono incontrare difficoltà. Tobia arriva tardi a scuola perché confonde le strade e le parole e i numeri quando legge a volte si mischiano sul foglio… lui si rattrista e si scoraggia perché non chiede aiuto e gli altri lo deridono perché non sanno… comunicare è molto importante, spesso aiuta a migliorare la nostra vita!

La prima parte di una  nuova e bella recensione per la nostra fiaba “Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo” , una fiaba per parlare di dislessia, Giovanelli Editore. 

Una fiaba fortunata, scritta per l’AID associazione italiana dislessia, e disegnata dai bambini delle scuole primaria della provincia di Brescia, e che sostiene l’associazione e tutti i volontari che lavorano ogni giorno con passione e professionalità.

Grazie al blog Il Bruco Carolina , che ha raccontato la nostra fiaba! Andate a fare una visita sul blog e potrete leggere il seguito della recensione.

Una favola metropolitana in concorso

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Illustrator Patrizia Kovacs

Come tutte le fiabe che si rispettino, anche questa è adatta sia agli adulti che ai bambini. Ma forse soprattutto agli adulti. Con la storia di questo uomo dall’aspetto rude e apparentemente insensibile che alla fine si fa toccare il cuore da un animaletto piccolo, proprio come una tartaruga. Molto più piccolo di lui, talmente piccolo da essere considerato fin dal primo incontro quasi un “oggetto” inutile. Mentre invece pagina dopo pagina, la simpatia e la dolcezza della tartaruga riesce a fare breccia nell’animo dell’uomo con una dose di umanità addirittura superiore a quella dell”umano”. E’ la vittoria del sentimento sulla razionalità. Una storia che sottolinea ancora una volta che il più debole (almeno apparentemente) in realtà non lo è affatto, e riesce a vincere anche chi pensa di essere al di sopra delle parti. Mette in evidenza il fatto che spesso, anche le persone apparentemente meno sensibili e più menefreghiste, sotto sotto e se prese nel modo giusto, hanno sentimenti profondi…”

Una nuova bellissima recensione  che puoi leggere integralmente sulla nostra pagina, per la nostra favola L’uomo e la tartaruga con le bellissime immagini metropolitane di Patrizia Kovacs , e che partecipa al concorso Il mio esordio promosso dal sito Il mio libro.

Puoi leggere le prime pagine, puoi cliccare sul tasto supporta, per votare la favola al concorso, e puoi anche comprarla!

Hai mai visto il sorriso di una tartaruga?

 

 

Fiabe, non favole…

Le fiabe non smettono mai di far parlare di sè… Un grande ringraziamento a Gianni Bonfadini, giornalista del Giornale di Brescia che ieri ci ha dedicato un  bellissimo articolo!

intervista

Una cartolina per Rai2

13876462_1743564722560729_1750131041800334073_n

Dallo storyboard Ovunque6 estate

Questa mattina,presto, presto, un bellissimo risveglio!

Ci ha svegliato Rai2, con le bravissime Francesca Parisella e Natasha Lusenti nella trasmissione Ovunque sei, che nella rubrica  Cartoline dal mondo hanno raccontato le nostre fiabe.

E noi abbiamo dedicato a loro una piccola fiaba, anzi, li abbiamo portati nella Città delle Fiabe:

La “CARTOLINA DAL MONDO” di oggi arriva dall’universo delle favole, a spedircela è Mariarosa Ventura. Ex manager di un’azienda nel settore della formazione e delle risorse umane, Mariarosa ha perso il lavoro due anni fa e ha deciso di trasformare la sua passione in un lavoro: scrive fiabe su commissione. “Da quando sono entrata nel mondo fantastico delle fiabe ho scoperto il loro potente potere terapeutico ed educativo per i bambini ma anche, forse soprattutto, per gli adulti. Prima, quando lavoravo in azienda, i tempi erano sempre tesi al controllo un po’ ansioso dell’orologio, ma adesso la gestione del tempo è diventata del tutto personale. La colazione è sempre stata un momento importante per me; se inizi bene, va bene anche il resto della giornata, no? Mio marito è tedesco e ho sposato con lui anche molte delle sue abitudini. Niente espresso per me. Adoro il caffè lungo, lunghissimo, che sorseggio mentre inizio a lavorare con i miei assistenti a quattro zampe, Cesar e Amali. La colazione con loro è un rito irrinunciabile. Qualche biscotto integrale per me, qualche biscottino per Amali e crocchette per Cesar. Adesso sì che siamo pronti per lavorare sulle note di brani di musica classica”. Attraverso una fiaba si possono dire cose che le parole non sanno dire. Le chiedono di scrivere fiabe per raccontare una bella amicizia, per fare una proposta di matrimonio, per presentare la propria azienda senza usare numeri e statistiche, o semplicemente per dire ti voglio bene a qualcuno. Favole che diventano illustrazioni grazie alla matita di Patrizia Kovacs. Per noi, Mariarosa ha scritto una fiaba.
“Vi siete mai chiesti cosa succede ai libri che non leggiamo più, ai libri che dimentichiamo?
Venite con me, vi porto nelle Città delle fiabe”.
La città delle fiabe
“Vi siete mai chiesti dove vanno, i personaggi delle fiabe quando non le state leggendo?
Cosa fanno, quando il libro si richiude sulle loro avventure?
Il semplice gesto, semplice per voi, di aprire un libro ed iniziare una storia dà inizio ad una serie di avvenimenti importantissimi: nel momento in cui sfogliate la prima pagina ecco che subito le altre si riempiono di colori, di parole… di vita.
I protagonisti della vostra storia stavano sonnecchiando, in attesa che qualcuno li volesse raccontare, ed improvvisamente devono svegliarsi, ricomporsi in fretta e furia e riprendere la storia da dove era stata interrotta: devono finire di combattere un drago, danzare con un principe o scappare da una torre. Devono essere pronti a farvi meravigliare, sognare e incantare.
Che fatica, direte voi! Vero, ma in realtà loro non aspettano altro, perché adorano sentire raccontare le proprie storie attraverso la lettura del loro libro.
A volte però, il libro con la loro storia viene dimenticato per tanto tempo, abbandonato su un mobile polveroso, ammassato fra altri libri dimenticati e, quando viene ripreso dal lettore, il suo protagonista fa fatica a riprendere la sua storia esattamente com’era: a volte fa davvero confusione e si smarrisce in altre storie sentite raccontare, mentre aspettava che qualcuno si ricordasse di lui, perché, questo è una delle cose che fanno i protagonisti dei libri quando non li state leggendo, si raccontano le proprie storie per non dimenticarle.
Per non dimenticarsi chi sono.
Una volta il principe Ranocchio voleva farsi baciare a tutti i costi dalla Bella Addormentata, e non riusciva a credere che lei non fosse la donzella destinata a lui; figuriamoci quando poi si è messa di mezzo la fata Turchina che pensava di essere la vera mamma di Raperonzolo. Un vero caos.
Per questo è stata creata la Città delle Fiabe.
Per dare ordine. Per dare un posto ai libri dimenticati.
Ecco dove vanno i protagonisti dei libri quando non li leggete: nella Città delle Fiabe!
E ora l’uomo ha smesso di leggere le fiabe e sempre più sono i libri dimenticati: Bisogna trovare una soluzione: senza le fiabe l’uomo è perduto, e anche la Città delle Fiabe lo è: le streghe cattive del Nord fiutando l’aria di guai, sono arrivate in Città e vanno in giro facendo chiasso e disturbando tutti; le strade sono affollate dai suoi abitanti che corrono agitati tenendosi strette le loro storie per timore che le streghe gliele portino via o si infilino fra le pagine dei libri per rubarne i segreti…
Cos possiamo fare per aiutare la Città delle Fiabe e salvare l’uomo? Volete continuarla voi questa storia?”

E se volete ascoltare la trasmissione ecco qui il podcast della trasmissione.

#benvenutinellacittàdellefiabe

 

Ilmioesordio2016

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Illustrator Patrizia Kovacs – L’uomo e la tartaruga

E’ partita la nuova edizione del   Concorso ilmioesordio   il Contest letterario che promuove e premia talento e immaginazione promosso dal sito ilmiolibro.it

Le nostre Fiabe partecipano al concorso:
L’uomo e la Tartaruga con i disegni di Patrizia Kovacs è fra le più supportate
I colori di Sofia con i disegni di Chiara Pe Petrillo è una fra le più recensite.

“Ilmioesordio a fumetti è il concorso dedicato alla promozione e valorizzazione dei linguaggi dell’illustrazione e del fumetto, realizzato dal sito di selfpublishing n°1 in Italia insieme ad uno dei poli culturali e creativi più interessanti nel panorama italiano delle arti grafiche e figurative, la Scuola Internazionale di Comics.”

“Tra i più supportati: Le mille e una Torta, Cane amore e fantasia, Il leggendario ricettario di famiglia, I diamanti della fata,  e L’uomo e la tartaruga.”

Tra i libri  più recensiti: Il pianoforte, Alla ricerca della memoria perduta , I colori di Sofia, Favole Strambe e Il Carciofo. Per supportare un libro bisogna registrarsi gratis al sito, andare nella scheda del libro che si vuole supportare e cliccare sul pulsante “Supporta”.

Partecipate con noi?  Andate sul sito, leggetele fiabe, fate una recensione e se vi va supportateci!


‪#‎lamagiacontinua‬