Un percorso di crescita e rinnovamento

copertina def

Una nuova, attenta, profonda e davvero bella recensione di Simona Platè, scrittrice, 

per il mio libro Bella Addormentata a chi? Grazie di cuore!

Questo saggio di Mariarosa Ventura è un vademecum che spiega bene il tabagismo degli amori confusi, che non sono amori, e nello stesso tempo lo cura.

Tutte e tutti noi sappiamo che ci sono amori/dipendenza che nascono da bisogni distorti e paure che ci fanno ammalare, proprio come il tabacco. In alcuni casi siamo anche molto consapevoli del circolo vizioso in cui ci troviamo e sappiamo bene cosa dovremmo fare, ma solo razionalmente. Il dramma è proprio agire sul livello inconscio che ci spinge in quella spirale negativa e riuscire a recuperare e ricollegare il filo della nostra autostima che si è spezzato in qualche momento lontano della nostra crescita.

Per raggiungere le ragioni profonde delle dipendenze è necessario parlare al nostro inconscio con simboli e Maria Ventura ha preparato e selezionato con cura fiabe che ci propone come strumento di consapevolezza profonda e percorso di rinascita: proprio per il loro potere simbolico, immaginifico e sanatorio. L’autrice ci offre fiabe che non hanno un finale spingendoci a concluderle, iniziando così il nostro viaggio dell’eroe. Un percorso che prevede una valigia in cui raccogliere tutte le briciole del nostro coraggio. Senza coraggio non si parte.

Mariarosa Ventura ha scritto un saggio e non lo dimentica mai. Per tutte quelle donne e quegli uomini che ancora non sanno dare un nome e un volto a quei meccanismi che le/li legano alle persone sbagliate, l’autrice consegna una spiegazione per far franare gli argini dei nostri alibi, che bloccano il flusso della guarigione. Ci impedisce di mentirci, di nasconderci sotto il tappeto del salotto. Ci regala le parole giuste e ce le spiega: orbiting, philofobia, per esempio, o comunicazione, parola di cui pensiamo di conoscere perfettamente il significato ma che non usiamo mai correttamente. Davanti a queste parole non ci sono più vittime, ma complici.

L’autrice ci fa capire che finché non accettiamo le nostre debolezze che nascondono le ragioni che ci hanno portato in quella direzione, finché non ci osserviamo con sguardo profondo, onesto e affettuoso, ma non protettivo e vittimistico, non riusciremo a vivere relazioni appaganti e sane.

Non crediate che sia un saggio che analizza solo gli amori di coppia, lo è solo in apparenza, ma ogni passaggio è applicabile ad ogni forma di amore o incontro: quello di una madre o di un padre per i figli ad esempio. Perché spesso gli amori sbagliati che scegliamo nascono dagli imprinting dei primi amori incontrati nella nostra vita, che hanno vincolato tutte le nostre relazioni.

Le cause che generano rinnovamenti nelle persone sono innumerevoli, credo che il libro di Mariarosa Ventura possa veramente essere una di queste cause, un atto psicomagico di liberazione e crescita; consiglio di leggerlo fino alla fine.

Concludo la recensione con una frase del saggio: “Noi siamo responsabili dell’amore che provochiamo e dell’amore che proviamo. Lo siamo per noi e per gli altri.”

Vuoi riscrivere il finale delle storie che ti hanno fatto soffrire e che si ripetono ogni volta?  Bella addormentata a chi? E in vendita qui

 

 

Le fiabe che ricostruiscono…

Le fiabe sono meravigliose e hanno un potere infinito. Le fiabe educano, accompagnano, aggiustano, ricostruiscono…

Certi messaggi mi riempiono il cuore.

Grazie ♥️
I messaggi delle fiabe Amazon –

Feltrinelli – Amazon –IBS

 

0001 (3)-001.jpg

 

Fiabe per insegnare…

La Magia dell'Orto (3)

Vittoria Grazi Illustrator

 

Il linguaggio più antico del mondo (la fiaba) per affrontare un tema quanto mai attuale (la violenza di genere): ancora una volta le fiabe confermano la loro arcaica e più autentica funzione, ossia formare gli uomini, orientandoli verso i comportamenti adeguati, suggerendo risposte o semplicemente riflessioni. L’ambientazione – un giardino popolato da ortaggi antropomorfizzati – ci ricorda i quadri fiabeschi più delicati tratteggiati da un maestro come Andersen, capace di animare oggetti della vita quotidiana con pochi ma essenziali tratti caratteriali. E poche battute sono sufficienti per delineare l’aggancio relazionale patologico che si innesta sulla coppia violenta, proprio come accade nella realtà: l’intensità di un amore che si rivela soffocante, ma non nell’immediato, solo con una gradualità nebulosa che confonde la vittima, in un sistema di illusorie promesse che vengono gradualmente disattese. Per fortuna la fiaba ci promette un lieto fine e almeno noi non restiamo delusi. 

Una nuova e importante recensione per la nostra Fiaba “Storia di un Porro e di una Farfalla” della Dott.ssa Antonella Bastone pedagogista ed esperta in formazione e appassionata di fiabe – ha scritto un libro molto bello  Le fiabe raccontate agli adulti. Storie di ieri e di oggi per la formazione.

Per noi  – con la brava e giovane illustrator Vittoria Grazi, – questa piccola fiaba è molto importante – come il messaggio che porta – e il giudizio di una professionista, come la Dott.ssa Bastone, che stimiamo molto per la sua preparazione e serietà, ci fa onore. Grazie!

La nostra fiaba partecipa al Concorso Il mio esordio. Se vuoi leggere le prime pagine, e lasciare un commento, o comprare la nostra fiaba vai alla pagina dedicata. E non dimenticare di votarla cliccando il tasto supporta.

 

 

 

Fiabe antiche – La Gattina Bianca

 

SAMSUNG CSC

 

Adoro vagare nei mercatini dell’antiquariato e vintage; hanno sempre il sapore della riscoperta di valori  e piccoli tesori antichi, che fortunatamente vengono salvati dall’oblio della memoria. Io prediligo i libri, e mi piace sfogliarli, sentire la loro energia, e immaginarmi le vite dei loro precedenti proprietari.

Così ho trovato: La Gattina Bianca scritto da Marie-Catherine D’Aulnoy, un delizioso libro di fiabe che risale intorno al 1940, in buone condizioni e con bellissimi disegni.

 

SAMSUNG CSC                              SAMSUNG CSC

 

Marie-Catherine, baronessa e scrittrice, nata in Francia nel 1650, andò sposa a 16 anni di un uomo di almeno quarant’anni più vecchio di lei, dal quale ebbe cinque figli; lo odiava e, a quei tempi non esisteva il divorzio, cercò di liberarsene accusandolo di crimini contro Sua Maestà. Fu poi costretta alla fuga e andò in Inghilterra. Descritta come una donna molto bella e briosa, fra un’avventura rocambolesca e l’altra, aprì un circolo letterario e scrisse racconti e poi fiabe –  la prima pubblicata in Francia  fu l’Ile de la Felicitè –  rivolte però ad un pubblico adulto.

La gattina bianca narra la storia di un giovane, che ha due fratelli, e il cui padre, il re, che deve abdicare al proprio ruolo,  vuole lasciarlo al figlio che gli porterà le cose più preziose e rare. Il giovane vagando per il mondo incontrerà il magnifico castello dove vive la bellissima gattina bianca, che lo aiuterà, e poi si rivelerà una bellissima fanciulla, che una strega cattiva aveva trasformato in un gatto.

SAMSUNG CSC            SAMSUNG CSC

“E vissero cento anni d’amore e d’accordo: e sulle loro tombe vollero che figurasse il musino di un leggiadro micio, in memoria del loro caro passato”