I desideri ridicoli

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

 

C’era una volta un taglialegna, il quale, stanco della vita — così almeno diceva — aveva gran voglia di andarsene al mondo di là. Da che era venuto al mondo, a sentir lui, il cielo spietato non avea mai voluto esaudire un solo dei suoi voti.
Un giorno che così si lamentava nel bosco, gli comparve Giove con in mano un fulmine. Figurarsi la paura del pover’uomo! “Niente voglio, esclamò gettandosi a terra, niente desideri, niente fulmini, e siamo lesti! ”
“Non temere, lo rassicurò Giove. Commosso ai tuoi pianti, vengo a mostrarti il torto che mi fai. Ascoltami. Io, sovrano del mondo, ti prometto di esaudire i primi tre desideri che ti verranno in mente, quali che essi siano. Pensa a quel che meglio potrebbe formare la tua felicità; ma poiché questa dipende tutta dai tuoi voti, pensaci bene prima di farli. ”
Ciò detto, disparve. E il taglialegna, caricatosi il suo fardello, che gli parve ora una piuma, se ne tornò tutto lieto a casa.
 Bisogna – diceva cammin facendo – contenersi con giudizio; bisogna anche, vista la importanza del caso, pigliar consiglio da mia moglie.”

I tre desideri – I desideri ridicoli  il titolo nella versione francese – è una fiaba di Perrault pubblicata nel 1703, dopo la sua morte,  che narra la storia di un taglialegna che riceve in dono la possibilità di esaudire tre preziosi desideri. Il pover’uomo torna a casa, lo racconta subito alla moglie e i due decidono di pensarci per bene, perché un’opportunità così non si ripresenterà un’ altra volta.

Così il marito, soddisfatto, si siede a pensare davanti al fuoco, beve un bicchiere di vino e dice:
– Certo che, con del vino rosso così buono ci vorrebbe una bella e lunga salsiccia –
Detto fatto; una fumante salsiccia appare sul tavolo. La moglie inferocita – che già stava pensando a desiderare diamanti, cibi succulenti e ricchezze varie – comincia ad inveire al marito per avere sprecato in modo così stupido un prezioso desiderio.

I due cominciano a litigare e ad un certo punto il marito dice alla moglie:
Gli uomini disse, son davvero nati per soffrire! Maledetta sia la salsiccia e la tua malagrazia! Piacesse al cielo, brutta strega, che ti pendesse alla punta del naso!”
La preghiera fu all’istante esaudita. Detto fatto, il metro di salsiccia s’attaccò al naso della povera moglie.”

Bisogna dire che l’uomo valutò per un attimo di usare il terzo ed ultimo desiderio per sé, e magari farsi Re, e lasciare la moglie con quel coso attaccato al naso; ma poi pensò che da Re non era molto elegante avere accanto una Regina con cotanto naso, ed utilizzò il desiderio per far tornare la moglie come prima.

La fiaba, molto divertente, avvisa i bambini – ma anche i grandi –  sulle possibili, non piacevoli conseguenze dei desideri avventati – magari un po’ cattivi – e nello stesso tempo li rassicura sul fatto che questi desideri hanno scarse conseguenze, e quando il desiderio si è estinto, tutto torna alla normalità, soprattutto se la volontà di far tornare tutto come prima è davvero sincera.

Ogni bambino ha momenti in cui si lascia trasportare dalla rabbia:
“ … qualcosa che il bambino non è in grado di evitare. Ma la fiaba è abbastanza accorta da non aspettarsi l’impossibile dal bambino, e da non generare in lui ansia perché ha desideri ispirati dalla collera e non può fare a meno di averli. Da una parte ammonisce che lasciarsi trasportare dalla collera o dall’impazienza significa andare incontro a guai, dall’altre parte rassicura garantendo che la buona volontà e le buone azioni possono annullare tutto il male procurato dai cattivi desideri” (Bettelheim)

Nella Fiaba di Pierino Porcospino, il padre arrabbiato per la sterilità della moglie, desidera di avere un figlio qualsiasi, anche un porcospino. Desiderio esaudito, arrivo un bambino con il corpo da bimbo e la testa di un porcospino. Il piccolo Pierino aiuterà un Re che, nonostante l’aspetto, per ringraziamento gli darà in sposa la propria figlia, e la prima notte di nozze Pierino si trasformerà in uno splendido principe.

E’ importante insegnare al bambino che la rabbia, come altre emozioni negative, é normale, e non è sbagliato provarle e la fiaba lo aiuta – aiutando il suo sviluppo sociale e relazionale – ad elaborare e comprendere quali sono gli atteggiamenti che danno  risposte positive.

 

Annunci

Le fiabe, una cura per l’anima

0001 (12)

Un incontro per parlare di fiabe e del loro profondo potere educativo e formativo, una nuova bella collaborazione con chi si occupa di benessere, promuovendo con  professionalità, uno stile di vita sano ed etico. 

Creare rete e condividere  passioni e lavoro  è la continua ricerca per diffondere sempre più uno stile di vita a misura dei reali bisogni dell’individuo, promuovendo evoluzione e crescita.

Mara Gamba Operatore e Trainer olistico in discipline BioNaturali,e coach di cucina vegetale e la sua Miamobioun’associazione culturale che si occupa di alimentazione naturale, ospiteranno nella sede di Desenzano del Garda, le  attività di Fiabe in costruzione rivolte alla crescita personale e alla consapevolezza di sè.

Mercoledì 31 gennaio avrà luogo un primo incontro di presentazione al quale, se siete in zona, siete naturalmente invitati. 

 

 

Nuove sognatrici

Ieri, come sempre ospiti nella bella cornice della bella biblioteca di Padenghe, è stato  l’ ultimo giorno del laboratorio di creatività e fiabe “Scriviamo una fiaba?”.

Un gruppo di lavoro molto bello e affiatato: le nuove scrittrici, nuove sognatrici, hanno raccolto ogni sfida e hanno saputo mettere alla prova il proprio talento, giocando, sperimentando e osando le parole, con la voglia di guardare ogni cosa con occhi diversi ;  hanno scritto fiabe, mini racconti;  hanno inventato parole, litigato con le metafore e hanno saputo regalarmi e regalarsi dei piccolo tesori.

Scrivere è una magnifica pratica che cura l’anima e, sia per chi impara, che  per chi insegna, è uno strumento unico di profonda crescita interiore.

La condivisione, l’ascolto – attento –  reciproco delle storie create, che sono la traccia, profonda, della proprie storie personali.

La voglia di raccontare e raccontarsi, la voglia di vincere i propri timori, il sollievo di scoprire che sono gli stessi degli altri, e lo stupore rileggendosi, perchè sì, questo l’ho scritto proprio io!

Con l‘intelligenza curiosa che svela allo sguardo, quello che prima era negato,  possiamo finalmente vedere le storie, che sono dentro ogni cosa che ci circonda.

E’ ora,  che inizia un nuovo viaggio!

#gioia #entusiasmo #visione #immaginazione

 

 

Il diario creativo

gabrielle-cole-701889-unsplash

Gabrielle Cole

Ho ricominciato da poco a tenere un diario. Scrivo fiabe, curo un blog e già, questa, è  una forma per raccontare, ad altri e per altri, raccontando di sè. C’ è sempre una parte di noi in quello che scriviamo.

Scrivere per un blog è quasi come tenere un diario. Quasi, perchè l’atto di prendere un taccuino –  può essere un  quaderno, un blocco; l’ importante è che ti piaccia – aprirlo, guardare le pagine che hai scritto nei giorni precedenti – già questo ti regala un senso di appartenenza – e arrivare alla pagina bianca che aspetta solo di essere riempita di parole… E’ già un rito.

Tenere un diario vuol dire scrivere di sè, per sè, ogni giorno, ogni volta che ne abbiamo voglia, due righe o un papiro; ma vuol dire raccontarsi, esprimere le emozioni inconsce che non sappiamo far uscire con le parole e che senza la scrittura restano sparse, in modo disordinato, nella nostra mente, e nel nostro cuore.

Vuol dire fare ordine, fare il punto della situazione, perchè rileggere quanto abbiamo scritto qualche tempo prima ci fa capire a che punto siamo, ci fa comprendere quello di cui abbiamo bisogno per davvero.

La narrazione è la modalità principale con cui, dall’età infantile a quella adulta, si sviluppano la mente e l’identità personale, e la nostra mente, ogni giorno, interpreta la vita, le persone e le situazioni in forma narrativa;  struttura e organizza ogni informazione, ogni evento e grazie a questo meccanismo, si orienta. La nostra mente mette in ordine, altrimenti sarebbe il caos.

George Mandler, psicologo americano  afferma, che ciò che non viene strutturato in forma narrativa, nella memoria, viene dimenticato.

Raccontare, diventa un modo per costruire un pensiero auto-biografico su di sé,   vuol dire dare un senso alla propria vita personale e professionale.  Ci aiuta  a riflettere sulle proprie credenze circa il cambiamento e a riorganizzarle in modo che assumano un significato diverso.

Oltre a questo, scrivere un  diario ha una serie di benefici immediati,  nel breve,   e nel lungo termine, per il nostro benessere: puoi cominciare il tuo diario creativo – via libera a istinto e fantasia –  dalle piccole cose, quelle a cui, normalmente  non facciamo caso:

  • raccontare di qualcosa che ti ha fatto sorridere, o ti ha sorpreso. Scrivere di cosa sei grato – e una volta che inizi a farlo,  ti  rendi conto di quante cose possono farti dire grazie ogni giorno, e inizierai a sentirti meglio;
  • scrivere sul proprio diario  i piccoli insuccessi ci aiuta a elaborarli e rileggendoli ci fa capire come possiamo modificare gli atteggiamenti sbagliati,  ma celebrare le piccole vittorie è una potente gratificazione, una grande motivazione.
  • Puoi scrivere il modo in cui vuoi iniziare la tua giornata, con le convinzioni potenzianti che ti accompagnano nel tuo lavoro, o una parola chiave che ti può supportare con  un nuovo progetto.
  • Puoi fare uno schizzo, un disegno, o scrivere – di getto –  senza pensare per almeno 15 minuti, senza badare alla forma, o alla sintassi. Un vero esercizio catartico – la scrittura espressiva – che aiuta a sciogliere blocchi e aumenta la consapevolezza su di sè.

Potrei continuare questa lista infinita ma la cosa migliore è provarla; se non ti  è naturale scrivere, prendilo come un piccolo allenamento iniziale, che diventerà poi una meravigliosa abitudine.

 

 

 

 

C

 

I doni per i nuovi giorni

imgp3642

Ultimo giorno dell’anno, una giornata importante, a cavallo fra una fine ed un nuovo inizio: una giornata di riti, propositi, ripensamenti, bilanci, a volte non sempre positivi. E’ il giorno in cui vogliamo cambiare tutto e pensiamo che tutto può cambiare.

E’ il giorno dei festeggiamenti, per qualcuno, del raccoglimento per altri.

In qualsiasi modo lo festeggiate, vi auguriamo di trascorrerlo nel migliore dei modi, e vogliamo lasciarvi e lasciarci,  dei doni preziosi da portare con voi nel nuovo anno.

La capacità di lasciar andare.Senza rimpianti! Vecchi pesi, vecchi comportamenti e vecchie relazioni se non ci arricchiscono più; limiti che ci poniamo da soli, paure, sensi di colpa. Per lasciare posto ai nuovi giorni e ai nuovi doni.

La costanza, per  non smettere mai di cercare. Andiamo oltre i limiti e le paure che bloccano il nostro cammino e la nostra Ricerca; non stanchiamoci mai di essere curiosi, di  cercare Risposte, e l’oro, che è dentro ciascuno di noi. Come il giovane semplice de “Le tre piume” che deve seguire la piuma lanciata dal padre per trovare i tesori che lo renderanno Re, e nella sua semplicità, ha il coraggio di scendere nel profondo della propria anima per trovare le preziose risorse interiori. Solo così, si realizzano i sogni.

La verità sull’amoreImpariamo ad amare noi stessi prima degli altri – come la fanciulla della fiaba “Il principe Cigno”, che quando cerca di salvare il suo amore, lo perde, perchè si annulla per lui.

Non sono un cigno ma un Principe stregato e tu potrai liberarmi se riuscirai a dipanare il filo al quale resterò legato in volo. Ma attenta  a non spezzarlo”. Il Principe Cigno – Grimm.

Solo quando ha superato prove e ostacoli, la fanciulla  impara ad amare, prima  sè stessa, e così, ritrova il suo amore perduto, perchè ora può amare in modo equilibrato e sereno.

Impariamo a  saper  accogliere  l’amore e vincere la paura delle delusioni e degli inganni passati, a proteggerlo anche quando viene appesantito dalle sue prime disillusioni e dalle sue piccole meschinità. 

Liberare ” la Donna scheletro”  – che rappresenta le parti negative dell’amore – dalla lenza che la imprigiona e, lasciare che lei si  disseti alla nostra unica, inconsapevole lacrima, le consente di ricostruire carne e sangue attorno alle sue povere ossa.  Vuol dire ricostruire l’amore che credevamo perduto. Che credevamo di non volere più, perchè ci faceva paura.

Quante volte, alle prime difficoltà dell’amore, ci siamo allontanati?

“Perchè le lacrime, nelle fiabe, cambiano le persone, rammentano loro quello che è davvero importante e ne salvano l’anima” – C.Pinkola -donne che corrono con i lupi

L’amore può trasformarci, e così dovrebbe essere ogni relazione amorosa, ogni partner dovrebbe trasformare l’altro. Ogni dono reciproco, ogni emozione, bella e brutta,  nutre, trasforma e unisce.

Chissà cosa cacceranno insieme… Sappiamo soltanto che saranno nutriti fino alla fine dei loro giorni  C.Pinkola E. -Donne che corrono con i lupi.

Un anno di fiabe. E in ultimo, ma per questo non meno importante, un dono speciale solo per voi: vi doniamo un anno di fiabe. Leggetele, narratele, ascoltatele. Lasciatele entrare nella vostra vita, loro verranno a cercarvi, con la loro antica saggezza e con i loro profondi messaggi. Saranno una guida preziosa, la luce che vi accompagnerà e illuminerà  i vostri nuovi giorni.

Quali sono i vostri doni per il nuovo anno?

Salta!

brandon-wong-420588-unsplash.jpg

Brandon Wong

Quando eravamo piccoli, salire sull’altalena era un bellissimo gioco, perchè l’emozione di poter volare in alto era una meravigliosa sensazione di libertà, di avventura, con l’aria che colpiva il viso spezzando il respiro.

La paura del vuoto e il suo magico richiamo.

Peccato che sia non  possibile farlo anche da grandi, e forse anche se lo facessimo, saremmo così attenti a non farci male, a non cadere, da non provare nemmeno più la bellezza del lasciarsi andare, al volo, all’aria, al gioco.

Nel mio lavoro, incontro sempre più  persone che vorrebbero cambiare qualcosa nella loro vita, per migliorarla, per crescere, per vivere meglio, ma non riescono a farlo; cambiare è difficile, lo sappiamo, lo leggiamo e lo sentiamo ovunque. 

Abbiamo paura di fare scelte sbagliate, di muoverci in modo sbagliato; è come  salire su quell’altalena: avremmo paura di cadere e farci male.

Ma noi creiamo la nostra vita e il futuro è di chi sa immaginarlo… così in questo giorno speciale di quasi fine d’anno, ti suggerisco  un piccolo esercizio speciale… una piccola meditazione:  prendi qualche minuto di solitudine e quiete; chiudi gli occhi, chiama il tuo bambino interiore – non serve tanto, lui non aspetta altro – e poi prova ad immaginarti su un’altalena, grande e alta, altissima. 

Comincia a dondolarti, prima lentamente e senti sul viso i primi gentili soffi di aria tiepida e poi comincia a muoverti più forte, ed ora non senti più il terreno sotto i piedi, e sali così in alto che l’aria sul viso ti blocca il respiro, avanti e indietro e ti senti sicuro. Tieni con consapevolezza le mani chiuse alle catene dell’altalena; noi hai paura. Voli sempre più in alto, e sorridi con gli occhi chiusi, perchè su quell’altalena cominci a ridere, ridere forte, perché la sensazione è di pura gioia e libertà.

E poi, quando ti senti così in alto, che potresti vedere i misteri del cielo sopra di te, decidi, senza pensarci, senza timore, di saltare, nel vuoto, nel nulla sotto di te.

Apri piano le mani dalle  catene e ti aiuti con un piccola spinta; lascia l’altena dietro di te e ti lasci andare, senza più nessun riferimento, senza nessun contatto con quello che conosci.

E cominci a scendere, nell’ignoto, ma ti senti leggero e protetto. In quel volo, libero e senza costrizioni, senza paura, arrivano  doni, risposte, aiuti magici, e soluzioni. 

Finalmente, puoi  vedere le meraviglie del mondo  che è nascosto dentro di te…

Una delle due: o il pozzo era straordinariamente profondo o ella ruzzolava giù con grande lentezza, perchè ebbe tempo, cadendo, di guardarsi intorno e di pensar meravigliata alle conseguenze. Aguzzò gli occhi, e cercò di fissare il fondo, per scoprire qualche cosa; ma in fondo era buio pesto e non si scopriva nulla. Guardò le pareti del pozzo e s’accorse che erano rivestite di scaffali di biblioteche; e sparse qua e là di mappe e quadri, sospesi a chiodi. Mentre continuava a scivolare, afferrò un barattolo con un’etichetta, lesse l’etichetta: “Marmellata d’Arance” ma, ohimè! con sua gran delusione, era vuoto; non volle lasciar cadere il barattolo per non ammazzare chi si fosse trovato in fondo, e quando arrivò più giù, lo depose su un altro scaffale.

“Bene, — pensava Alice, — dopo una caduta come questa, se mai mi avviene di ruzzolare per le scale, mi sembrerà meno che nulla; a casa poi come mi crederanno coraggiosa! Anche a cader dal tetto non mi farebbe nessun effetto!” (E probabilmente diceva la verità).

E giù, e giù, e giù! Non finiva mai quella caduta? .L.Carrol – Alice nel Paese delle meraviglie

Ci racconti il tuo volo?

A caccia di sogni

 

Per acchiappare i propri sogni bisogna saper immaginare un altro sè, perchè quello che conosciamo, molto bene, è quello che si limita a desiderare, a scrivere liste di ” vorrei” sperando che un giorno arrivino i doni a cui aneliamo tanto.

Siamo così concentrati sull’obbiettivo da raggiungere, da non vedere altro intorno a noi; non ci rendiamo nemmeno conto che, magari, vogliamo qualcosa, che non siamo nemmeno pronti ad avere;  perchè quando vuoi ottenere qualcosa, tutto il tuo essere deve volerlo, e per questo è necessario cambiare i comportamenti che fino ad ora non ti hanno consentito di realizzare i tuoi sogni.

Io voglio leggere i 30 libri che aspettano pazienti sul comodino –  l’ho già detto, sono un’acquirente compulsiva di libri e taccuini;  libri che poi non ho mai il tempo di leggere,  – e per farlo, devo modificare il mio atteggiamento di  procastinatrice passionale e confusionaria,  cambiando il mio modo di essere e, di conseguenza,  la mia modalità alla lettura perchè la mia motivazione  non basta se non parto da un desiderio dell’essere e non dell’avere.  

Se voglio qualcosa, devo partire da come potrei o vorrei  essere, per ottenerlo; lo sapete, il cambiamento parte sempre da noi.

Ieri alcune intrepide cacciatrici di sogni hanno lavorato insieme, per costruire una nuova, personale modalità dell’essere per raggiungere gli obiettivi che si sono poste per il prossimo anno e,  utilizzando le mappe mentali e la loro creatività e fantasia, hanno messo su carta il loro, speciale e magico anno nuovo,  per ricordarsi, ogni giorno, che sì, noi possiamo creare la nostra realtà, e disegnarla a misura dei nostri sogni.

A proposito: io ne sto realizzando uno: ora, posso leggere un libro a settimana…