Pasqua di cambiamento…

james-lee-zoOc8D0AjGI-unsplash

In principio la Terra era tutta sbagliata,
renderla più abitabile fu una bella faticata.
Per passare i fiumi non c’erano ponti.
Non c’erano sentieri per salire sui monti.

Ti volevi sedere?
Neanche l’ombra di un panchetto.
Cascavi dal sonno?
Non esisteva il letto.

Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali.
Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali.
Per fare una partita non c’erano palloni:
mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni.

Anzi a guardare bene mancava anche la pasta.
Non c’era nulla di niente.
Zero via zero, e basta.

C’erano solo gli uomini, con due braccia per lavorare
e agli errori più grossi si poté rimediare.
Da correggere, però, ne restano ancora tanti:
rimboccatevi le maniche, c’è lavoro per tutti quanti.

Storia Universale, Gianni Rodari

Questa è sicuramente una Pasqua diversa da tutte le altre, e speriamo che sia davvero così… C’è tanto da fare e da cambiare.

Rimbocchiamoci le maniche, ‘è lavoro per tutti quanti!

Buona Pasqua di cambiamento…

 

5° passo: cosa desideri?

steve-halama-YRgPxwbvY0E-unsplash.jpg

Ultimo giorno dell’anno, e siamo arrivati al  quinto passo di questo piccolo cammino delle emozioni,  che ci porta al nostro cuore, perché lì, sono custoditi i nostri reali desideri.

Ieri abbiamo scritto una lista delle cose, delle persone, e dei lati del nostro carattere  che non ci appartengono più, e  per questo, li lasciamo al vecchio anno. Questa lista va bruciata prima della mezzanotte del 2019, ma prima di farlo, onoriamo e ringraziamo quello che non ci serve più, perché ci ha donato un insegnamento prezioso, e poi lo lasciamo andare.

Oggi ci dedichiamo ai nostri desideri. Cosa desideri per il nuovo anno? 

Cosa ci serve? Un quaderno, un taccuino, scegliamo bene perché ci accompagnerà per un po’ – e sul primo foglio bianco, scriviamo la nostra lista dei desideri; ma desideri veri, quelli del cuore, quelli che a volte non osiamo nemmeno ascoltare.

Non badiamo a spese, quando si desidera bisogna farlo in grande! 

Scriviamo la lista di quello che desideriamo per renderci la vita meravigliosa:  un amore, amicizie, lavoro, soldi. E quali qualità ci servono per essere migliori? Non ci sono limiti di spazio, tempo, né vincoli di nessun tipo.  La capacità di desiderare è la capacità di far uscire il proprio empowerment, il proprio potere personale;  è la voglia di migliorarsi per ottenere di più. Non esistono i non ce la farò mai, o i non succederà mai. 

Non questa sera! E dopo la mezzanotte, quando saremo già nel nuovo anno, rileggiamo i nostri desideri a voce alta, affermiamoli, e poi chiudiamo gli occhi, tiriamo 3 lunghi respiri e immaginiamo di essere in un meraviglioso giardino, o in un bosco, colmo di fiori e alberi meravigliosi. Possiamo sentire il loro profumo e ci sentiamo bene, perché questo è il nostro posto. Quello in cui ci sentiamo sicuri e protetti. E poi  scegliamo un albero –  o sarà lui a scegliere noi? – ai piedi del quale, seminare i nostri desideri, come tanti piccoli semi, di cui aver cura per farli crescere al meglio.

Infine ringraziamo il nostro albero perché con le sue radici e la sua linfa proteggerà e nutrirà la  nostra pianta dei desideri, e ci aiuterà a realizzarli.

Domani sarà un nuovo passo, e nuovi giorni.

Ma ora vi auguriamo che questi nuovi giorni siano colmi di realizzazioni, insegnamenti, emozioni e storie. Di fiabe, di magia, e di parole. Di consapevolezza.

Vi auguriamo di svegliarvi al mattino e ancora con gli occhi chiusi, fare un sorriso, perché sapete, vi cambia  la giornata. Vi auguriamo di scrivere, di raccontare, di parlare guardando l’altro, per davvero. Occhi negli occhi. Di stringere le mani, di abbracciare, di dire “ti voglio bene” tutte le volte che avete voglia di farlo. Di dire NO, senza sentirvi in colpa. Di ridere senza motivo e di piangere senza vergognarsi. Vi auguriamo di essere liberi, liberi di essere voi stessi, di accogliervi e di amarvi.

Vi auguriamo nuovi meravigliosi giorni…

 

 

Buon Natale viaggiatori…

Per chi ci ha dato il grande privilegio di raccontarci le proprie storie, per chi ha ascoltato, scritto, condiviso.
Per chi ha letto anche solo un attimo e per un attimo ha sognato. Per chi, dopo, ha comprato un libro di Fiabe.
Per chi si è fatto incantare da un disegno. Per chi ha ascoltato i messaggi antichi. Per chi ha guardato, ed è subito scappato via, ma con un sorriso…
Per tutti voi che avete camminato con noi, anche solo per un piccolo tratto. Per tutti…
Grazie di cuore.
Vi auguriamo uno splendido Natale

Uno splendido Natale

auguri.png

Oggi abbiamo idealmente aperto  insieme l’ultima finestrella del calendario dell’Avvento, abbiamo letto l’ultima fiaba e abbiamo preparato il nostro bellissimo albero di Natale, insieme, perché ognuno di voi, che ci ha dato il grande privilegio di raccontare la propria storia, che ci ha seguito, che ha commentato, che ha anche solo guardato, ha messo una piccolina stellina lucente sul nostro grande albero.

Grazie! L’augurio più grande che vogliamo farvi, e farci per il giorno di Natale, è  di  imparare a guardare l’oro che è dentro ogni piccola cosa; l’oro inaspettato che è nelle persone che ci sono vicine o che incontriamo per caso, magari  nascosto dietro uno sguardo o un improvviso sorriso; vi auguriamo di saper guardare l’oro che è  dentro ognuno di noi e aspetta solo di essere scoperto. 

Vi auguriamo uno splendido  Natale.

Natale limited edition

P1070201.JPG

Manca poco a Natale – meno di quello che pensate –   e noi siamo davvero indaffarate! Vi stiamo preparando un sacco di sorprese! Anche per questo Natale  – ma anche per Santa Lucia – a grande richiesta, tornano le nostre fiabe limited edition, dedicate ai più piccoli, da regalare ai vostri bambini per farli sognare, ed essere protagonisti dei loro sogni.

Come? Potete scegliere 4 diverse storie:

Il vostro bimbo può diventare un vero aiutante  di Babbo Natale e vedere la  casa dove vive insieme ai suoi piccoli  elfi,

oppure la vostra bimba ama aiutare la mamma in cucina? Può  diventare la cuoca provetta per il pranzo di Natale, aiutata da un libro magico e da…  insomma… non vogliamo dirvi proprio tutto!

e ancora : per le fatine che amano i colori, ci sono  un drago ed una terribile strega da combattere...

infine: una principessa che non ama portare le scarpe, ma deve andare al ballo!

Scegliete la storia che più si adatta ai vostri bambini, e noi la personalizzeremo per loro facendoli diventare i protagonisti di avventure meravigliose, insieme ai loro amici dei cuori, ai cuginetti, ai nonni, o insieme a mamma e papà.

Un bellissimo regalo di Natale, in una deliziosa confezione personalizzata, ad un  prezzo speciale!

Volete avere più informazioni? Compila il modulo…

 

Regine

SAMSUNG CSC

Quando fu sera Cenerentola se ne andò; il principe voleva accompagnarla ma ella gli sfuggì. Tuttavia perse la sua scarpetta sinistra, poiché‚ il principe aveva fatto spalmare tutta la scala di pece e la scarpa vi era rimasta appiccicata. Egli la prese e, con essa, si recò il giorno seguente dal padre di Cenerentola e disse: “Colei che potrà calzare questa scarpina d’oro sarà mia sposa.”

Cenerentola – F.lli Grimm

Figlie, madri, nonne, sorelle e amiche. Frivole, impegnate, emotive, intelligenti, single e sposate. Incomprese. Amate… e poi  tradite. Immensamente fragili, ma incredibilmente forti.

Ogni donna sa come sentirsi una vera Regina… anche senza un Re.

Buon 8 marzo!

Scrivilo sui muri!

IL FIGLIOL PRODIGO TAVOLA 6

Patrizia Kovacs

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”

Gianni Rodari

Scrivetelo su tutti i muri!

La paura rende prigionieri, ma noi impareremo a essere liberi…

Una serena Pasqua a tutti.