Come risvegliarsi con intelligenza e ironia

copertina def

Una bella, davvero bella recensione per Bella Addormentata a chi?

Grazie Edy, di cuore!

Ho letto d’un fiato Bella Addormentata a chi? E poi ho riletto con più attenzione alcuni capitoli di questa piccola guida delle emozioni, e per due, che mi risuonavano di più, ho scritto il finale delle fiabe che li accompagnano.

Questo libro è il racconto diretto, senza troppi giri di parole, sincero e anche divertente, di tutte le situazioni che noi donne viviamo – tutte noi donne –  con l’altro sesso, ma soprattutto è il racconto di tutte le scuse e le giustificazioni, proprio come dice l’autrice, che ci facciamo per non guardare in faccia la realtà, quando una storia non va più bene, e invece noi cerchiamo di farla funzionare a tutti i costi.

Bellissima e, devo dire terapeutica, l’idea di mettere una fiaba, tra l’altro tutte le fiabe sono molto carine e con un intelligente taglio ironico, all’inizio di ogni capitolo; una fiaba a metà, che chi legge, può completare, può scriverne il finale.

Io l’ho fatto, con due, due storie che mi hanno “chiamato” in qualche modo, ed è stato davvero particolare, perché ho scritto cose che non sapevo nemmeno di avere dentro e di pensare e questo mi ha fatto guardare con occhi diversi, la fine di una relazione che mi ha fatto molto soffrire.

È stato come iniziare un nuovo percorso. Ogni donna dovrebbe leggere questo libro!

Puoi acquistare Bella Addormentata a Chi? sul sito il mio libro

Messaggi…

WhatsApp Image 2020-05-01 at 10.07.15

Rossella De Carlo

In un soffio ho terminato questo libro che sa comunicarti situazioni che accomunano tutte noi donne e il rapporto con l’amore. L’autrice è stata in grado di trattare un argomento serio in modo leggero e ironico. Attraverso le fiabe è stata in grado di veicolare tanti messaggi a volte già presenti nel nostro inconscio. Quando li vedi, nero su bianco sono di maggior impatto e ti portano a pensare e riflettere e non mancano i momenti in cui ti trovi a sorridere. Consiglio questa lettura a chi vuole prendere maggiore consapevolezza di sé attraverso le fiabe. Jessica B.

Grazie  a Jessica per il suo bel commento sul sito Ilmiolibro  a Bella Addormentata a Chi?”

A volte, succede che quando viviamo delle situazioni di coppia che ci fanno stare male, sia più facile farsi coccolare dal proprio dolore, che ci rende giustamente vittime e per questo, quello che accade, non  accade per colpa nostra.

Guardarsi dentro, con onestà e rispetto per sé stesse, fa paura, certo. Ma…

“Ti avviso: non sarà semplice, perché continuare la lettura di questo libro vuol dire mettersi nude, di fronte alle più grosse bugie e giustificazioni che ci diciamo ogni volta per continuare relazioni che sappiamo essere sbagliate.

Ma se continui la lettura, alla fine, come ogni vero eroe delle fiabe, dopo aver incontrato orchi e streghe – le tue più grosse paure e debolezze – troverai il tuo tesoro, che prima di un principe con tutte le caratteristiche giuste, è una profonda autostima, una grande  autonomia,  e infinito amore per sé stesse.

Solo così sarai pronta ad incontrare l’uomo giusto per te…” Bella Addormentata a chi?

Puoi acquistare Bella Addormentata a chi? Sul sito ilmiolibro

Il Bello Addormentato

copertina def

Sono piacevolmente sorpresa: ho parlato di Bella Addormentata a chi? scrivendo che è un libro per le donne;  ho aggiunto poi che anche gli uomini dovrebbero leggerlo, perché gli errori più comuni in una relazione, si fanno in due.

Mi rendo conto ora che fra i primi lettori del mio libro, ci sono proprio gli uomini e questo, naturalmente, mi fa molto piacere.

Si sbaglia in due, e si cresce in due…

Così giro, molto volentieri, la recensione di un uomo: uno scritto divertente, che racconta il mondo maschile con  intelligente ironia.  Un bello Addormentato , direi illuminato,  che è alla ricerca della sua Principessa Azzurra!

Grazie di cuore, Luigi M.

… ma non è vero …

Eh no, gentilissima Autrice, non sono per niente d’accordo con Lei.

Nella quarta di copertina leggo, tra l’altro:

“Storie di donne, che non riescono ad uscire …”

 Ma io il Suo libro l’ho letto, cosa crede? e sa cosa Le dico? Io non sono così sicuro che Lei abbia scritto storie di donne.

Lei ha scritto, con maestria e leggerezza, storie di sentimenti, ha scritto cose sull’amore.

Quanta letteratura c’è su questo argomento … letteratura rivolta principalmente ad “un pubblico femminile”.

Eh sì, le donne, normalmente, non hanno problemi a parlare d’amore, anche a parlare del “proprio” amore e quindi anche a leggerne.

Gli uomini no, gli uomini sono “animi semplici”, per dire in modo gentile quello che è il comune sentire: gli uomini sono quelle bestiole domestiche un po’ primitive che riconoscono solo le pulsioni più elementari (pappa, cacca, bumba, gnocca), e sono facilmente addomesticabili, ma da cui occorre sapersi difendere. Guai a far prendere loro il sopravvento, se non si vuole soffrire.

Gli uomini non parlano d’amore con gli amici, gli uomini raccontano volentieri le ultime conquiste femminili, vere o inventate.

E io sono un uomo.

E allora perché ho divorato il Suo scritto con tutta quell’avidità che seguita a lasciarmi confuso ed emozionato?

Perché lei mi ha fatto leggere, mi ha fatto ricordare, mi ha fatto razionalizzare sensazioni che fanno parte della mia storia personale. Ma Lei non conosce la mia storia personale.

E quindi … ?

Lei non ha scritto storie di donne! Lei ha tracciato, in un modo assolutamente originale, un percorso di crescita interiore che è valido per le donne, e per gli uomini.

E adesso vado … mi è venuta una voglia  irrefrenabile di guardarmi intorno: in cerca della mia PRINCIPAZZURRA. Luigi M.

 

Ancora per pochi giorni puoi acquistare Bella Addormentata a chi?   sul sito Il mio Libro con la spedizione gratuita!

Unboxing

Max, ex Vigile del Fuoco, suona il contrabbasso, ama gli animali, davvero tutti gli animali, e ama leggere.

E a quanto pare è il mio Fan numero 1!

E mi fa sorprese speciali…

Poi, non dico altro… dice tutto lui!

Puoi comprare Bella addormentata a chi? Sul sito Ilmiolibro

La dislessia spiegata ai bambini

giorgia

“Ciao Amici sono Carolina, oggi vi parlo di un libro davvero speciale, Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo, si tratta di una fiaba che spiega cos’è la dislessia a noi bambini… la scrittrice Mariarosa Ventura in questo libricino formato tascabile è riuscita a toccare il mio cuore e a farmi capire con la guida della mia mamma, come aiutare nel mio piccolo, chi ha la dislessia.

La storia si svolge in un bosco dove c’è una bellissima scuola, circondata da cespugli di more selvatiche e da distese do piccole margheritine primaverili.

Anche gli animali vanno a scuola, devono imparare a leggere, a scrivere e a contare come noi bambini e anche loro possono incontrare difficoltà. Tobia arriva tardi a scuola perché confonde le strade e le parole e i numeri quando legge a volte si mischiano sul foglio… lui si rattrista e si scoraggia perché non chiede aiuto e gli altri lo deridono perché non sanno… comunicare è molto importante, spesso aiuta a migliorare la nostra vita!

“Si legge e si scrive in tanti modi! Qual’è quello giusto? Tutti e nessuno.”

Una nuova, bella,  recensione  per il piccolo Tobia  – Giovanelli Edizioni – e i colori meravigliosi con cui racconta il suo piccolo mondo.

Grazie al blog Il bruco Carolina. Questa piccola fiaba sostiene l’Associazione Italiana Dislessia e il meraviglioso lavoro dei suoi volontari

Una fiaba per la dislessia

 

20170629_110933

Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo. Una fiaba per la dislessia” è una dolcissima storia che affronta con delicatezza il tema della dislessia, comune a tanti giovani alunni. L’autrice fa la scelta di raccontare la fiaba direttamente al piccolo protagonista che mostra al lettore il suo punto di vista, gli fa indossare i suoi panni per capire cosa si prova a sentirsi un diverso agli occhi di tutti. Allo stesso tempo imparerà il rispetto per le differenze altrui, che non devono essere considerati difetti ma grandi fonti di ricchezza che rendono unici ognuno di noi.”

Una bella recensione per il piccolo Tobia, il coniglietto che insegna e impara ad accogliere e apprezzare le diversità. Una fiaba a cui sono molto legata perché  Tobia  mi ha regalato il privilegio di entrare nel suo mondo e vedere con occhi diversi, i suoi meravigliosi colori.

Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo: una fiaba per la dislessia – con Giovannelli Edizioni  –  che porta un messaggio importante e ha un compito importante perché sostiene l’AID Associazione Italiana Dislessia e il magnifico lavoro dei suoi volontari.
Grazie al blog Leggere insieme a mamma e papà

I colori della dislessia

 

“Ciao Amici sono Carolina, oggi vi parlo di un libro davvero speciale, Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo, si tratta di una fiaba che spiega cos’è la dislessia a noi bambini… la scrittrice Mariarosa Ventura in questo libricino formato tascabile è riuscita a toccare il mio cuore e a farmi capire con la guida della mia mamma, come aiutare nel mio piccolo, chi ha la dislessia.

La storia si svolge in un bosco dove c’è una bellissima scuola, circondata da cespugli di more selvatiche e da distese do piccole margheritine primaverili.

Anche gli animali vanno a scuola, devono imparare a leggere, a scrivere e a contare come noi bambini e anche loro possono incontrare difficoltà. Tobia arriva tardi a scuola perché confonde le strade e le parole e i numeri quando legge a volte si mischiano sul foglio… lui si rattrista e si scoraggia perché non chiede aiuto e gli altri lo deridono perché non sanno… comunicare è molto importante, spesso aiuta a migliorare la nostra vita!

La prima parte di una  nuova e bella recensione per la nostra fiaba “Le parole di Tobia, il coniglietto che colora il mondo” , una fiaba per parlare di dislessia, Giovanelli Editore. 

Una fiaba fortunata, scritta per l’AID associazione italiana dislessia, e disegnata dai bambini delle scuole primaria della provincia di Brescia, e che sostiene l’associazione e tutti i volontari che lavorano ogni giorno con passione e professionalità.

Grazie al blog Il Bruco Carolina , che ha raccontato la nostra fiaba! Andate a fare una visita sul blog e potrete leggere il seguito della recensione.