Respira…

pasquetta

fiabeincostruzione.com

La fanciulla si tolse le scarpe rovinate e poi si sfilò le calze pesanti.

Tirò un sospiro ma l’aria le si fermò fra il cuore e un pensiero e non volle uscire. Succedeva quasi sempre in qui giorni.

Quando posò il piede sull’erba umida sentì un brivido che le arrivò fino in testa, come una vibrazione che la percorse e si allargò in ogni punto del suo corpo.

Buffo… come un’improvvisa doccia refrigerante.

Camminò, lentamente nell’erba alta, in quell’immenso prato deserto, circondata dai  meravigliosi e umili fiori dorati, inconsapevoli di tanta bellezza.

Arrivò al centro del prato e si guardò intorno incantata… era un quadro di  Monet,          ed ora lei ne faceva parte.

Che meravigliosa sensazione di quiete, serenità e fiducia. Sì, io mi fido…

Chiuse gli occhi, e lentamente si lasciò andare all’indietro e, come se il vento gentile e improvviso, la sostenesse, fu una danza, leggera mentre cadeva, e cadeva, e sembrava non finire mai.

Finalmente l’erba soffice l’accolse come un morbido cuscino di seta, l’avvolse in un abbraccio di fiori, colori, profumi e lei cominciò a ridere, e ridere e  con quella risata uscirono tutti i respiri che li si erano fermati dentro per così tanto tempo, e volarono via, insiemi ai figli dei soffioni, alla paura e ai pensieri tristi.

Respira…

Buongiorno a colori

img6

Così senza pensarci tanto, scende dal lettino prende un pastello giallo, e disegna sul buio un bellissimo sole con tanti raggi lunghi, lunghi che arrivano fino all’armadio.

 E ora nel buio splende il sole con due occhietti sorridenti, e un bel naso a patata.

Sofia resta sorpresa con il suo pastello giallo a mezz’aria: allora il buio si può colorare! I colori di Sofia

Una nuova versione de I colori di Sofia , con i bellissimi disegni di Elena Bertoloni, perché oggi più che mai, abbiamo bisogno di colorare le nostre giornate.

Così, vi doniamo il sorriso di un magnifico sole giallo pastello, disegnato sui  muri della vostra camera, sul frigorifero insieme alle fotografie di chi amate, sui mobili del salotto e sullo specchio del bagno, perché  la vostra giornata inizi con la sua luce brillante e gioiosa.

Il libro si legge in un batter di ciglia….eppure riesce in così poco tempo e spazio a donare speranza. Un modo per sostenere i bambini rispetto alla grande paura del buio che spesso hanno, ma un racconto che offre un utile spunto di riflessione, guidando verso una soluzione possibile, anche le paure degli adulti o le loro zone buie interiori. Come se quel bimbo dentro l’adulto chiedesse di essere tirato fuori da quel buio bloccante. Grazie all’autrice e complimenti alla illustratrice x avermi dato personalmente, uno spunto importante da utilizzare con i miei due figli ….la più grande ha gli anni di Sofia e per aver risvegliato in me il desiderio di far uscire le mie parti buie. Infatti la mia bambina interiore che non vede l’ora di colorare con la fantasia il suo mondo. Da leggere!  Alessia B.

Buon giorno a colori!

 

 

 

 

I chakra, la nostra essenza…

musicoterapia-copertina-giusta

Chakra  è una parola che deriva dal sanscrito e significa ruota, vortice o disco; i chakra sono centri energetici e  di consapevolezza, e dalla loro corretta attivazione ed equilibrio, dipende il benessere dell’individuo e dell’animale. 

I chakra non sono punti definibile in senso anatomico, ma sono punti di energia  posizionati in diverse aree del nostro corpo,e hanno il compito di raccogliere l’energia vitale – prana – che scorre dentro ognuno di noi e di reindirizzarla a seconda delle aree in cui sono presenti e regolare i processi di anima, spirito e corpo.

I chakra principali sono 7 e oltre a rappresentare aree specifiche del corpo, ognuno di essi è associata una ghiandola endocrina, che se funziona correttamente, consente il benessere delle funzioni vitali e degli organi  corrispondenti.

Ogni chakra,  ha un proprio colore, un proprio elemento, un proprio suono una divinità, una pietra, un animale e un pianeta.

Un chakra  poco aperto – accade quando viviamo traumi  fisici ed emotivi,      o troppo caricato – stress e vita frenetica – porta squilibri a livello emozionale e fisico.

Il Reiki, come altre pratiche energetiche, come lo yoga, come la respirazione, interviene per riequilibrare i chakra  nel momento in cui  si presenta il disagio emotivo che è sempre un segnale di un disagio fisico. Succede spesso che quando lavoro sulle riattivazione dei chakra, la persona visualizzi vortici di energia.

Conoscere le funzioni e le aree di riferimento di ogni chakra, è un ottimo aiuto per intervenire nei casi di squilibrio energetico, e per questo nei prossimi post, parleremo di come attivarli, anche con semplici esercizi e affermazioni – mantra. 

I chakra sono il dono divino, il Dio interiore, l’essenza di tutto ciò che siamo
Jacqueline van Gessel, Egiptian Healing           

 

Basta una matita gialla…

Basta una matita gialla per colorare uno splendente, meraviglioso sole!

Vuoi conoscere il colore delle tue emozioni? Manca poco al nostro laboratorio; le iscrizioni chiudono giovedì 28 novembre.

Scrivi a fiabeincostruzione@gmail.com

Il colore delle emozioni

0001 (3).jpg

Di che colore sono le nostre emozioni? Gioia, rabbia, paura. solitudine… tristezza. Molte volte non sappiamo nemmeno riconoscerle e le diamo un nome e un volto sbagliato e ci lasciamo vivere da sentimenti, che spesso sono confusi e per questo ci fanno stare male. Oppure, ci hanno insegnato che certe emozioni sono sbagliate, cattive e non bisogna mostrarle!

Un laboratorio – ospitato dalla suggestiva biblioteca di Padenghe sul Garda, –  una fiaba, e mille colori, per imparare a riconoscere le nostre emozioni, a esserne responsabili. Per imparare a gestirle e viverle con la giusta consapevolezza. Impariamo a colorare le nostre emozioni, per regalarci ogni giorno, un meraviglioso arcobaleno.

 

Colorare il buio

A volte, anche i grandi hanno paura del buio…

“I colori di Sofia” con i bellissimi disegni di Elena Bertoloni. Questa fiaba partecipa al contest ilmioesordio 2018 con ilmiolibro

 

 

 

I colori di Sofia

 

altalena1.jpg

“«Chi sei?», le chiede piano. «Sono la Tristezza, non vedi?». Risponde con tono lamentoso la forma scura.
«E cosa fai?»
«Domanda sciocca!». Risponde con un sospiro la Tristezza.

«La mia mamma mi ha detto che nessuna domanda è sciocca, quando vuoi sapere il perché delle cose», risponde quieta Sofia.”

Mentre voi andate in vacanza noi non abbiamo ancora smesso di lavorare, di creare, di inventare…

Ecco una nuova edizione de I colori di Sofia” con i disegni della bravissima Elena Bertoloni la mia compagna di viaggio, un’altra magica sognatrice! Anche questa fiaba partecipa al concorso ilmiolibro.it,  Ilmoesordio, e la potete leggere, fare un commento o una recensione e supportarla!

 

 

Disegna un sole!

sole

“nel buio, non c’è niente di cattivo, è solo che tutto si colora di nero; il nero è solo un colore e i colori non fanno paura.”
I colori di Sofia.

A volte il buio non è solo fuori, a volte è anche dentro di noi. Ma ognuno può far brillare il proprio bellissimo sole. Colori meravigliosi sono già dentro di noi.

Elena Bertoloni illustrator – Benvenuta nello staff 

 

Il posto delle fiabe

 

Chi ha detto che le storie e i disegni devono stare solo nei libri?

A noi piacciono scritte sui muri, e disegnate sulla carta dei giornali, almeno le brutte notizie si riempiranno di colori. Storie sulle fatture del papà e sui conti da pagare… chi potrà resistere dal fare un sorriso?

Oppure su cuscini morbidi, morbidi che puoi abbracciare mentre li leggi…

Le fiabe sono intorno a noi, e il posto delle fiabe è ovunque, ovunque ci sia spazio  per raccontare una storia.

Da oggi potete avere le fiabe di Magica Emma, con i disegni dei vostri bimbi su soffici cuscini, o donare deliziose tovagliette per la colazione che riportano frasi e disegni della vostra fiaba personalizzata, o  runner da tavolo scritti,  davvero originali.

Volete saperne di più? Compilate il modulo e vi daremo tutte le informazioni

 

 

 

 

Colori

Colore

mentre cuciva e alzava gli occhi per guardare la neve, si punse un dito e tre gocce di sangue caddero nella neve. Il rosso era così bello su quel candore, che ella pensò fra sè: –Avessi una bambina bianca come la neve, rossa come il sangue e nera come il legno della finestra! .” Poco tempo dopo, diede alla luce una bimba bianca come la neve, rossa come il sangue e con i capelli neri come l’ebano; e, per questo, la chiamarono Biancaneve.”

Biancaneve – Flli Grimm

Che significato hanno i colori?

Sappiamo che il bianco vuol dire purezza, il rosso è il colore della passione,  l’azzurro rilassa. Il nero è il colore della morte, della trasformazione.

Se ti regalano una rosa gialla, vuol dire gelosia.

I colori fanno parte della nostra vita: siamo appagati dal verde della natura, rallegrati  dal giallo del sole e le nubi gonfie e grigie di pioggia ci preannunciano un temporale.

Percepiamo i colori attraverso l’occhio, certo, ma spesso non ci rendiamo conto che la percezione del colore avviene anche attraverso i sensi, a livello emozionale, mentale e immaginativo. I colori sono archetipi, simboli antichi  e il loro significato è  primordiale e universale.

Nell’antichità l’ uomo – che usava colorare le proprie caverne –  aveva compreso la magia e il potere dei colori e i loro messaggi,  associando ad essi,  emozioni, concetti e segni,  creando un linguaggio dei colori.  Già,  per l’uomo primitivo,  il rosso era il colore della vita e il nero della  morte.

I colori ci parlano. Nell’ antico Egitto,  erano parte integrante della vita dell’uomo e  la parola Iwen aveva il significato di colore ma anche  di essere, significava l’essenza dell’ uomo. A quel tempo si usava dire degli Dei che non era possibile vedere il loro colore per intendere che non si potevano conoscere o comprendere a fondo.

Non si poteva vedere il colore delle loro anime. 

Pensiamoci  quando ci arrabbiamo con qualcuno, o non riusciamo a capirlo.  Forse dobbiamo solo cercare il suo colore.

L. Luzzatto-R. Pompas, Il significato dei colori nelle civiltà antiche.  Rusconi Editore