Buon Natale

3E727B01-9052-4EF1-B154-905B287A66DE

fiabeincostruzione.com

Per ogni storia che ci avete raccontato, per ogni momento, anche piccolo piccolo, che ci avete dedicato… per averci donato le vostre emozioni, grazie!

Vi auguriamo un Natale colmo di piccole cose preziose, di silenzi appaganti e gioiose condivisioni; di bellissime storia raccontate guardandosi negli occhi.

Vi auguriamo di tornare un pò bambini e di desiderare…

Vi auguriamo uno splendido Natale 

 

Annunci

Voglia di Natale?

20171202_131918

Voglia di buono, voglia di emozioni, voglia di bello? Sì, voglia di Natale.

Ci avete fatto caso? Mai come quest’anno le decorazioni natalizie sono partite un pò in anticipo rispetto al classico 8 dicembre, e già a novembre si vedevano luci e alberi sui balconi delle case.

Da ieri, l’atmosfera natalizia è completa –  e ovunque si guardi ci sono piante  e finestre decorate, renne e babbi Natale e  simboli natalizi ovunque.

Così vogliamo augurarvi di festeggiare davvero il Natale quest’anno e  suggeriamo qualche piccolo esercizio per l’anima perchè che non sia solo fare  un regalo a chi si ama, ma sia un prezioso regalo anche per noi stessi:

  • condividere emozioni vere,
  • ascoltare davvero chi abbiamo  accanto
  • guardare il mondo con gli occhi del bambino che è in ognuno di noi. 
  • E naturalmente, leggere le fiabe…

 

 

Natale

SAMSUNG CSC

“Epperò, zio, benché non mi abbia mai cacciato in tasca la croce di un soldo, io credo che il Natale m’abbia fatto del bene e me ne farà. Evviva dunque il Natale! –

Il commesso non si seppe tenere dall’applaudire dal fondo della sua cisterna; ma, subito accortosi del marrone, si diè ad attizzare il fuoco e riuscì ad estinguere l’ultima scintilla.

– Un altro di cotesti rumori dalla vostra parte – disse Scrooge – e ve lo darò io il Natale con un bravo benservito. Sei davvero un parlatore coi fiocchi – sopraggiunse volgendosi al nipote. – Mi sorprende che non ti ficchino in Parlamento.”

Charles Dickens – il Canto di Natale

Il violinista

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La notte scese  piano nel bosco silenzioso e come una signora elegante indossò il suo mantello di stelle lucenti; piccoli brillanti che la illuminarono, mentre il gelo della notte si posò sulle case addormentate del vicino villaggio.

L’ uomo camminava piano nei sentieri intricati del bosco,  e senza nessun timore delle ombre buie che lo accompagnavano,  avanzava sicuro verso il villaggio.

Arrivava ogni anno al primo di dicembre; nessuno sapeva chi fosse, nessuno sapeva il suo nome, e nessuno l’aveva mai visto in volto: si raccontava che fosse uno spirito del bosco che tornava a cercare un ricordo; qualcuno diceva  che fosse un angelo che arrivava ad annunciare il Natale. Qualcuno aveva  cercato di spiarlo attraverso i vetri della finestre, opachi di gelo, ma non aveva visto altro che un albero con i rami innalzati al cielo, ma tutti avevano sentito la bellissima musica del suo violino.

Quando le campane della piccola chiesa annunciavano  la mezzanotte,   la musica meravigliosa del violino partiva lenta, come un canto dolcissimo, e  scivolava fra i sentieri del bosco accarezzandole, facendole fremere, le foglie dei castagni secolari, e si perdeva verso la valle che portava al villaggio; si insinuava fra le case, avvolgendole, sfiorandole con le note; si infilava nelle fessure dei muri e delle finestre e invadeva le case e i loro abitanti addormentati, portando la quiete nei cuori.

– Io voglio sentire la musica – urlò la piccola Gemma danzando.

-Io voglio vedere l’uomo con il violino- disse Keil che voleva fare il coraggioso.

Shhh… -disse piano la nonna – la magia si ripete ogni anno per chi sa ascoltare…