Pincapolchetta…

 

polchetta1

Maria Sole Lui

Pincalpolchetta E il Castello del Lago Chi non so: ecco finalmente la fiaba vincitrice – per la Categoria Bambini Scuola Primaria –  del nostro Concorso Un Paese da fiaba  organizzato dal Comune di Padenghe sul Garda, con la biblioteca Comunale e la collaborazione di Fiabe in Costruzione.

Complimenti alla bravissima e dolcissima autrice di questa fiaba, la piccola  Maria Sole Lui, che con grande fantasia ha raccontato le avventure  di una Streghetta, di un lago che si chiam Chi non so e dei suoi abitanti che si chiamano Non so chi e  di un Castello dove tutto è al contrario. 

Ecco a voi le avventure di Pincapolchetta, la streghetta apprendista.

“C’era una volta una strega che non era cattiva; si chiamava Pincapolchetta. Era una streghetta apprendista che viveva nel castello Contrariello. Adesso vi chiederete perché si chiamasse così, beh, si chiama così perché è tutto al contrario: si cammina sul soffitto a testa in giù, i quadri sono sul pavimento, la soffitta è sotto terra.

In quel castello era tutto, ma proprio tutto al contrario. Vicino a quel castello c’era il lago Chi Non So, gli abitanti di quel lago si chiamavano Non So Chi. Nel lago Chi Non So i pesci si comportavano come persone. Ogni giorno Pincapolchetta la streghetta faceva una nuotatina nel lago Chi Non So e salutava i suoi amici pesci.

Un giorno il lago Chi Non So si prosciugò e i pesci Non So Chi rimasero senza acqua e allora Pincapolchetta li mise tutti in una grande e grossa boccia così riuscì a salvarli. Non poteva però tenerli sempre nella boccia, perciò dovette cercare una soluzione, ma non ci riuscì. Allora chiese a Pinco, lo stregone più forte di tutto il regno, ma neanche lui ci riuscì.

Allora Pinco disse a Pincapolchetta che doveva chiedere al signor Fruino; Fruino era la persona più intelligente di tutto il Regno. Però c’era un problema: Fruino è vissuto molto, ma molto tempo fa. Allora Pincapolchetta disse che c’era solo una soluzione: dovevano creare una “macchina del tempo”. Iniziarono a costruirla e dopo giorni, settimane e mesi la macchina fu pronta.

 Allora Pincapolchetta e Pinco viaggiarono nel tempo e andarono da Fruino, ma purtroppo in quell’epoca non si parlava come si parla nell’epoca delle streghe e allora Pincapolchetta e Pinco dovettero improvvisare. Quando ebbero trovato Fruino all’inizio non capiva quello che dicevano, ma dopo un po’ iniziò a capire. Poi Pincapolchetta e Pinco condussero Fruino nella macchina del tempo, e lo portarono vicino al lago Chi Non So e gli spiegarono la situazione.

 All’inizio Fruino non aveva idee, ma dopo un po’ gli venne un’idea geniale: visto che il lago si era prosciugato perché il sole era forte, per farlo ritornare come prima doveva piovere. Pincapolchetta senza pensarci due volte chiamò la strega Pioggerella, una sua conoscente. Pioggerella iniziò subito con il suo incantesimo e il lago Chi Non So ritornò come prima, anzi era ancora più bello. C’erano nuovi pesci e conchiglie ancora più belle di prima.

 Ma che ne è stato del castello Contrariello? Beh scopriamolo subito: il castello è diventato un castello magico perché ora Pincapolchetta non è più solo una streghetta apprendista ma è diventata una strega professionista e ha fatto un incantesimo al castello pronunciando queste parole: “Pillala, pollala, trallalla, barabonzi bonzi ban”.

 E così il castello diventò speciale anche perché venne donato ad un gatto magico che lo custodì per secoli e secoli e nessuno lo sa. Mi raccomando non ditelo a nessuno è un segreto. “

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...