Il popolo invisibile

SAMSUNG CSC

Un giorno Odino, travestito da viandante, bussò alla porta di una piccola casa e chiese ospitalità. Venne accolto e gli venne offerto persino il letto, l’unico che possedevano. Si trattava di una famiglia numerosa e i genitori erano così poveri che non avevano di che vestire i figli. Padre e madre si vergognavano di ciò e presentarono allo straniero solo la metà dei loro figli. Il Padre degli Dei li trovò amabili e chiese alla madre se ne avesse altri oltre a quelli. La donna rispose di no. Naturalmente il buon Dio sapeva benissimo che aveva altri figli e domandò ancora: “Mia buona donna, mi hai davvero presentato tutti i vostri figli?”. “Certamente – mentì la donna sorridendo -Non sono forse abbastanza?”. Odino si accontentò di questa risposta e si sedette a tavola per la cena con i genitori e la metà dei loro figli. Notò che quella famiglia era molto pia e ringraziava il Signore per il cibo e, nonostante fosse appena sufficiente per loro, lo condivisero con lo straniero. Odino notò con approvazione che tutti i bambini si misero in tasca un po’ di pane secco da portare ai loro fratelli e sorelle nascosti. Il giorno seguente prima di andarsene, il dio disse alla famiglia tanto ospitale: “Ciò che è stato nascosto a me verrà nascosto anche agli occhi degli estranei”. Da quel momento, i bambini nudi diventarono invisibili; i genitori li percepivano e gli altri uomini potevano vederli soltanto quando lo desideravano i bimbi stessi.”

La leggenda, tramandata dagli antichi racconti della tradizione popolare islandese, racconta che i bambini invisibili, a cui Odino donò le ali, da allora vennero chiamati Alfar- Elfi – e diventarono creature fatate, che si nascondevano agli occhi dell’uomo, ma potevano  mostrarsi se incontravano un cuore puro.

Ancora oggi, se vi capitasse di fare un viaggio nelle bellissima, fredda e magica Islanda il cui nome signifca terra ghiacciata – un paesaggio dalla natura incontaminata, circondata da laghi, dai fiumi glaciali, e dai vulcani – potreste incontrare qualcuna di queste piccole creature fatate. 

E’ una cosa abbastanza comune nel paese nordico, dove la maggior parte della sua popolazione crede fermamente nell’esistenza degli elfi, e non mi riferisco ad una credenza magica, ma ad una percezione superiore che consente di vedere oltre quello che mostrano gli occhi, unito  al profondo rispetto per la natura che li circonda.  Gli adulti possono incontrarli, se hanno un buon cuore, mentre per i bambini è più semplice, perchè sono ancora puri.

Un masso non è solo un masso, ma potrebbe essere  la casa degli Alfar e se guardate bene potreste vedere anche le luci all’interno; non bisogna distrubarli e, in Islanda sono molto rispettati e molti sono i racconti di chi li ha incontrati per davvero: sono creature che normalmente sono buone e amichevoli, ma possono fare terribili dispetti se li fate arrabbiare.

Ne sanno qualcosa i lavoratori di un’azienda di costruzione che hanno dovuto dissotterrare un masso per placare l’ira del popolo invisibile, che era stato disturbato dai lavori di costruzione di una strada e mostrava la propria ira causando una serie di incidenti, ai macchinari e alle persone.

Sveinn Zophoniasson, dell’azienda Bass, ha raccontato al giornale una serie di disavventure capitate a Siglufjördur, nel nord, per aver ricoperto con tonnellate di detriti in agosto 2015 la Alfkonusteinn, ovvero la “roccia di madama elfo”.

La strada in costruzione è stata inondata, ci sono state frane, l’uomo che è andato a controllare i danni s’è ferito, una macchina movimento terra s’è rotta, un giornalista andato a filmare i fatti è finito in un mare di fango ed è stato salvato a fatica e così via. “Nessuno aveva pensato alla roccia”, ha detto l’imprenditore contrito.

E non è un caso isolato:

Nel 1971, per spostare una loro roccia vicino a Reykjavik, fu necessario che le autorità aprissero una trattativa complessa e lunga. Non poterono tuttavia svolgerla direttamente: dovettero affidarsi a un medium.”fonte

Sembra che dopo questa trattativa, gli elfi abbiano deciso di cambiare zona e i lavori siano potuti proseguire.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...