La scelta della sposa

“C’era una volta un giovane pastore che si sarebbe sposato volentieri, e conosceva tre sorelle, una più bella dell’altra, sicché‚ la scelta era difficile, ed egli non sapeva decidere a chi dare la preferenza. Allora domandò consiglio a sua madre, che disse:

-Invitale tutt’e tre, offri loro del formaggio e guarda come lo tagliano-.

E così fece; ma la prima inghiottì il formaggio con la crosta; la seconda tagliò via la crosta in gran furia, così di furia che vi lasciò attaccato del formaggio, e buttò via tutto insieme; la terza invece, levò la crosta per bene, nè troppo nè poco. Il pastore raccontò tutto a sua madre, che disse: -Sposa la terza-. Così egli fece, e visse con lei, felice e contento.”

Molte delle fiabe dei Grimm  – quelle delle prima edizione dal 1812 al 1815 – sono l’elaborazione dei racconti popolari tramandati oralmente, raccontate dai grandi per i grandi: sono infatti, in alcuni casi,  più fiabe popolari che di magia, strettamente connesse agli eventi del tempo e, nonostante siano vecchie di secoli,  contengono una morale genuina e indicazioni di buon senso, ancora attuali ai nostri giorni.

Così il figlio che deve scegliere la moglie chiede consiglio alla vecchia madre, che saggia, lo aiuta a scegliere la migliore: quella che non spreca, e non vuole troppo: la moglie ideale è quella parsimoniosa!

20150614_185503

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...